News Sanità – PNRR e Sanità | FSE | Rapporto Censis – Dicembre 2023

Condividi con un tuo collega

Rassegna dicembre 2023

Nell’ultima Rassegna Stampa dell’anno 2023, abbiamo riportato interessanti articoli che permettono di capire lo stato della Sanità Digitale, le sue evoluzioni, i problemi e le possibili soluzioni. Buona Lettura! 

Rapporto Censis 2023: Salute e Walfare

Dal rapporto emerge chiaro che i presagi non sono stati ascoltati e che attualmente l’unico desiderio veramente ricercato non è l’agiatezza ma un senso di benessere quotidiano, non fidandosi trovppo del futuro. 
Alcuni numeri: per il 75,80% delle persone è diventato più difficile accedere alle prestazioni sanitarie nella propria regione a causa delle liste di attesa lunghe; il 71% per visite urgenti si rivolge a strutture private; il 79,10% pensa che ci sia da preoccuparsi rispetto alla salute del SSN. 
Un interessante riassunto lo trovi nel link qui sotto. 

Approfondimento qui

Rapporto annuale dell’Osservatorio sulla Trasformazione Digitale dell’Italia

Il Rapporto ha fotografato lo sviluppo digitale del sistema-Italia mettendo al centro tre principi fondamentali: l’etica, la sostenibilità e l’inclusione di questi processi. 

Nel rapporto emergono in vari ambiti di sviluppo i miglioramenti significativi dell’Italia sul fronte della digitalizzazione. Tra questi:

  • Il livello di inclusione digitale e gli investimenti di 350 milioni di Euro per i progetti di formazione e inclusione digitale tramite il Fondo per la Repubblica Digitale, con 4 bandi già lanciati per 43 milioni di Euro;
  • Lo sviluppo del Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) con circa 35 milioni di Identità Digitali nel 2023 (erano meno di 1 milione a fine 2016);
  • La crescita di PagoPA con 340 milioni di transazioni dirette alla P.A. nel 2023, quando erano solo circa 700mila a fine del 2016;
  • Il potenziamento della Cybersicurezza, anche grazie all’approvazione della Strategia nazionale e lo stanziamento di oltre 620 milioni di Euro nel PNRR;
  • Il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE), con 58 milioni (98% della popolazione nazionale) di FSE attivi al 2022 e 1,38 miliardi di Euro di investimenti previsti dal PNRR;
  • Il potenziamento della connettività, con il lancio della nuova Strategia per la Banda Ultra Larga da 2,8 miliardi di Euro.

Il tableau approfondisce anche i propblemi principali che bloccano lo sviluppo. 

Approfondimento qui

Sanità post-PNRR

Il PNRR fornisce un vigoroso stimolo all’evoluzione del nostro Sistema Sanitario Nazionale e alla sua digitalizzazione e innovazione. L’accessibilità dei dati sanitari, lo sviluppo delle relazioni, della ricerca e della sperimentazione, la telemedicina e la gestione più efficiente del percorso di cura dei pazienti sono alcuni degli aspetti fondamentali di questa trasformazione. 
Gli strumenti e i progetti per fare bene, qui sotto seguendo il link.

L’articolo di Agenda Digitale

Fascicolo Sanitario Elettronico: ancora poco utilizzato in Italia

Sebbene l’attuazione tecnologica del servizio sia completata nella quasi totalità delle regioni, con una media nazionale che sfiora il 97%, l’effettivo utilizzo del FSE appare ancora estremamente disomogeneo lungo la Penisola.

Secondo i dati Agid, se in alcune regioni l’alimentazione sfiora o raggiunge il 100%, tra cui la Toscana (100%), l’Emilia-Romagna (98,15%), ma anche la Sicilia (86%), un quadro completamente differente viene dalla Calabria che riporta un’alimentazione del sistema praticamente nulla (0,90%).
Nell’articolo di Key4biz si analizzano nel dettaglio tutti i dati emersi. 

Fonte: Key4Biz

Richiedi la Demo Gratuita di ArzaMed

Richiedi ora la tua Dimostrazione Gratuita in cui capirai come Arzamed ti può aiutare a risparmiare tempo e gestire la tua attività in modo facile, sicuro e veloce.​

Altri articoli del blog